TRASFERIRE WORDPRESS ALLA ROOT DI UN DOMINIO DA UNA SOTTODIRECTORY

PRIMA DI INIZIARE

Prima di cominciare qualsiasi operazione fai un backup del tuo sito che comprenda:
  • I file del tema;
  • I caricamenti;
  • I plugin che hai usato, in modo da non dover perdere tempo a scaricarli di nuovo, se le cose “dovessero andare male”;
  • Il tuo database.
È possibile eseguire il backup del database utilizzando uno di questi strumenti:
  • phpMyAdmin;
  • Sequel Pro per OS X;
  • I comandi del terminale;
  • Un client desktop MySQL, oppure un plugin di backup, come WP-DB-Backup, che vi fornirà una copia del database tramite e-mail o download.

SPOSTARE UN SITO WEB DA UNA SOTTODIRECTORY ALLA ROOT

Dopo aver affrontato le procedure di trasferimento di un’installazione di WordPress da “locale” a “online”, questa eventualità è di gran lunga più semplice perché in realtà non è necessario spostare nulla, o quasi.
Creare un sito di prova direttamente online è una pratica diffusa e praticamente necessaria per valutare l’effettivo funzionamento dell’installazione in rete. Realizzare un sito in WordPress all’interno di una cartella (es. http://www.sito.com/test) consente di condividere lo sviluppo e le modifiche con il cliente.
Questo metodo di trasferimento dalla cartella “test” alla root del dominio funziona su un’installazione standard di WordPress e con la maggior parte dei framework, o se si sta utilizzando una struttura a tema “child”.
Attenzione! Questo metodo non funziona per:
  • Installazioni multi-sito;
  • I siti che utilizzano Genesis come framework (non sono sicuro).
Il bello di questo metodo è che ci vogliono solo da tre a dieci minuti a seconda della configurazione di partenza.

1. RIMUOVERE IL SITO WEB ESISTENTE

Se vi è un sito web esistente nella directory principale, rimuoverlo. Potrebbe essere un’altra installazione di WordPress oppure un sito statico.
Se si tratta di un sito WordPress, fare il backup, come descritto sopra, e quindi eliminare tutti i file di WordPress nella root.
  • Se a avete usato un servizio di installazione di WordPress utilizzatelo anche per la rimozione del database.
  • In caso contrario, utilizzare phpMyAdmin eliminare il database del sito web esistente.
  • Dopo aver lasciato la base di dati, rimuovere tutti i file di WordPress. Questo significa che normalmente vanno eliminati tutti i file o le cartelle che iniziano con “wp-“.
  • Attenzione! non rimuovere il sito esistente fino a quando hai fatto il backup.

2. DISATTIVA I PERMALINK

Disattiva i permalink nella schermata “permalink”, che troverai nel menu “Impostazioni”selezionando l’opzione “Default” e cliccando su “Salva modifiche”.

3. CAMBIA IL TUO INDIRIZZO WEB

In “Impostazioni” → “Generale” (campo “Sito Web (URL)”), cambiare l’indirizzo del tuo sito web, ma non l’indirizzo di WordPress. Ad esempio, se hai lavorato sul www.sito.com/test, modificare le impostazioni come segue:
  • Indirizzo WordPress (URL): http://www.sito.com/test
  • Indirizzo del sito (URL): http://www.sito.com
Salvare cliccando sul pulsante “Salva modifiche” e passare alle fasi successive prima di tentare di accedere al sito.

4. COPIARE E MODIFICARE SOLO DUE FILE

Con un client FTP/SFTP o tramite il file manager cPanel, copia (non spostare) i seguenti file dalla directory di WordPress alla directory root:
  • index.php
  • copia il file .htaccess nella directory root
Modificare il file index.php che hai spostato in questo modo:
  • Modificarlo “in situ” dopo il trasferimento, usando FTP / SFTP o file manager cPanel;
  • Scaricandolo dalla sottodirectory, modificandolo e poi caricarlo nella directory principale – invece di fare una copia.
La modifica che dovete fare è davvero molto semplice e riguarda una riga alla fine del file.
È sufficiente modificare questa riga:
require (‘./wp-blog-header.php)
così
require (‘/nomesottodirectory/wp-blog-header.php)
Cioè, se state lavorando su una struttura del tipo sito.com/test, modificate la linea di codice in require (‘/test/wp-blog-header.php).
Salvate il nuovo file “index.php”.

5. RIPRISTINARE I PERMALINK E VERIFICARE IL TRASFERIMENTO

Tramite il pannello di amministrazione di WordPress ripristinate i permalink di nuovo, con qualsiasi impostazione di cui avete bisogno per il vostro sito web.
Con il vostro browser visitate il sito e noterete che l’URL mostrato è appunto l’URL principale (“root” anche se il sito continua a risiedere nella sottodirectory.
E questo è davvero tutto!

Seo Specialist Roma | P.iva 11822551005

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *